Il nostro network: News e Eventi | Guida Turistica Milano | Hotels e Alloggi a Milano
Giovedì 26 Maggio 2022
English

CERCA UN HOTEL A MILANO

Booking.com

Albero della Vita: vince finalmente una italiana

Milano -
L'Albero della Vita di Expo probabilmente si farà!

Sul filo del rasoio, alla scadenza del bando per la manutenzione, allestimento e dunque per realizzare gli effetti speciali dell’Albero della Vita di Expo, hanno presentato la loro offerta due aziende. La prima è l’italiana  Rti Agorà S.r.l, mentre la seconda è la cinese Hanzhou Panasign Co. Ltd. Pare ci fosse anche un terzo concorrente che però si è autoeliminato perchè secondo lui si sarebbe giocato un po’ sporco.

 

Ricevute le due offerte, si è riunita in seduta pubblica la Commissione di gara di Expo 2015 e ha “optato” per  Rti Agorà S.r.l.  La scelta è stata obbligata perchè la Cina non ha il diritto di partecipare al bando, in quanto non ha aderito agli accordi di reciprocità internazionale per gli appalti europei.

Il Commissario Giuseppe  Sala, una volta eletta la vincitrice Agorà, ha affermato: “I miei uomini stanno guardando le carte, nel frattempo le manderemo al dottor Cantone per l’aggiudicazione. La società, a quel che mi risulta, ha già fatto operazioni del genere di livello ed è sicuramente solida”. Effettivamente il pedigree dell’azienda aquilana che dovrà far brillare il simbolo di Expo e del Padiglione Italia, almeno sulla carta sembra notevole. E’ stata fondata nel 1990  e ha realizzato macchine sceniche per musical e grandi eventi come durante la cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Torino e di Sochi, al settantacinquesimo anniversario dello Shakhtar in Ucraina e al lancio della Fiat a Torino, solo per citare degli esempi. Inoltre ha collaborato con  la Bws di Marco Balich, direttore del Padiglione Italia e creatore dell’Albero della Vita e con Filmmaster di cui Balich è stato presidente fino al 2003. Alla gara avrebbe partecipato anche un terzo concorrente anonimo che però ha poi rinunciato perché come lui stesso ha dichiarato: “Non ci sono le condizioni. Facciamo un passo indietro. La gara comprende il noleggio dei macchinari, l’installazione e la manutenzione, e viene aggiudicata al massimo ribasso. L’affitto degli effetti speciali è la fetta principale della spesa: 2,85 milioni di euro. “ Secondo l’anonimo imprenditore ciò che ruota intorno all’Albero della Vita non è proprio pulito. In particolare gli sembra strano che la scelta dei macchinari sia stata veicolata: pare che siano obbligatori alcuni modelli e brand  e non si accettino simili. Riguardo ai giochi d’acqua, ha poi affermato:  “Ci sono incompatibilità di cantiere con le richieste del capitolato. I rischi? O tempi più lunghi del previsto, sforando la scadenza del primo maggio, o extracosti. E tutti i ritardi si scaricheranno sull’ultimo staffettista”.

Polemiche a parte, perché s’inizino i lavori manca ancora  il si di Raffaele Cantone. Una risposta dovrebbe arrivare nel giro di 15, 20 giorni e quindi verso la metà, fine di febbraio. Se tutto andasse bene rimarrebbero due mesi o poco più per completare l’Albero della Vita e non sono molti.

 

 

DISCLAIMER: Questo articolo è stato emesso da MilanoExpo2015.it . ed è stato inizialmente pubblicato su www.milanoexpo2015.it. L'emittente è il solo responsabile delle informazioni in esso contenute.

[Fonte: Milano OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Ultime notizie

Altre notizie

Milano OnLine pubblicità

Booking.com


VIAGGIA NELL'ARTE, NEL GUSTO E NELLA NATURA A MILANO